Dimissione anticipata dall’ospedale

Casa della maternitàQuando il parto in ospedale si è svolto in modo positivo, la permanenza in reparto può, in alcuni casi disturbare l’incontro intimo tra madre e neonato e ostacolare il buon avvio dell’allattamento.

Optare per una Dimissione Anticipata Accompagnata significa richiedere le dimissioni dall’ospedale a poche ore dal parto, dopo la prima visita pediatrica, per tornare nella propria casa e ritrovare un clima familiare in cui potere assecondare i propri ritmi fisiologici e ricevere le visite a domicilio dell’ostetrica di riferimento.

Per ricevere questo tipo di assistenza la donna deve contattare le ostetriche della Casa Maternità gli ultimi mesi di gravidanza, esprimere l’intenzione di essere dimessa dall’ospedale poco dopo il parto e concordare la reperibilità dell’ostetrica, dalla 37^ alla 42^ settimana di gravidanza.

Dopo un colloquio presso la struttura, allo scopo di consentire alla donna e all’ostetrica di conoscersi e di raccogliere le informazioni necessarie al’assistenza, si attende il momento del parto.

Nei cinque giorni successivi al ritorno a casa anticipato, l’ostetrica si recherà a domicilio per controllare l’andamento del puerperio (allattamento, benessere del neonato, stato emotivo della mamma).

Le Dimissioni Anticipate Accompagnate possono essere richieste anche dalle donne che hanno usufruito dell’Accompagnamento in ospedale.